La differenza tra brand activism, campaign marketing, issue management e corporate diplomacy. - Uniting

The difference between Brand Activism, Campaign Marketing, Issue Management, and Corporate Diplomacy.

Technicalities in Focus.

The difference between Brand Activism, Campaign Marketing, Issue Management, and Corporate Diplomacy.

Gli addetti ai lavori parlano sempre più frequentemente di brand activism, campaign marketing, issue management  e corporate diplomacy. Per comprendere al meglio le possibilità che offre oggi il marketing e l’universo della comunicazione, è bene comprendere tutte le differenze tra questi termini tecnici ed utilizzarli con consapevolezza.

Brand Activism: l’impegno della marca

Brand Activism si intende sottolineare il coinvolgimento e la partecipazione di un brand verso un argomento di interesse pubblico, sia esso di natura politica, ambientale o sociale. Il brand activism è proprio questo: un brand che sceglie di fare qualcosa, che non resta a guardare ma si fa portavoce di un messaggio di più ampio respiro e di interesse collettivo. 

E per farlo diventa promotore di un messaggio, di iniziative o di progetti mirati. Un atteggiamento di questo tipo è la testimonianza del nuovo ruolo che oggi si trovano a ricoprire le aziende, cioè quello della partecipazione e dell’apertura al mondo esterno.

L’attivismo di brand può avere forme e manifestazioni diverse.

Una prima possibile suddivisione è quella che mette a confronto l’attivismo di brand regressivo da quello progressivo. Per attivismo di brand regressivo s’intende l’atteggiamento di minimizzazione del problema spesso messo in atto da aziende che vendono prodotti controversi: dal tabacco al gioco d’azzardo. Quello progressivo invece riguarda i comportamenti delle aziende che si muovono in ottica di un bene comune e condiviso.

Un’altra classificazione del Brand Activism concerns different themes it addresses:
  • Social Issues 
  • Immigration
  • LGBTQ+ Rights
  • Sostenibilità ambientale
  • Human Rights

Campaign Marketing, Issue Management, and Corporate Diplomacy: The Differences.

Come abbiamo visto, il brand activism spesso può farsi portavoce di un messaggio di tipo sociale o di sostenibilità volto al raggiungimento di quello che può essere largamente considerato il “bene comune”. Questa tipologia di attivismo di marca presenta numerose analogie con il campaign marketing.

The issue management invece si intende la possibilità per una marca di introdursi in temi di attualità al momento giusto, con una tecnica che si avvicina all’instant marketing. Questo tipo di scelta è una forma di attivismo di brand dettata per lo più dalla volontà di far sentire la propria voce riguardo un trend topic e comunicare la propria presa di posizione al proprio target, che è in sintonia con questa tipologia di messaggio.

Lastly, corporate diplomacy, riassumendo con questo termine tutte le diverse scelte e le prese di posizione di un brand che di fatto vanno a costituire quell’insieme di valori di marca che si intende comunicare all’esterno. La principale differenza con l’attivismo di brand qui risiede nella scelta dei messaggi da veicolari: la prima è un insieme ampio e diversificato che si trasforma in attivismo quando il brand conquista la consapevolezza dei messaggi prioritari che vuole portare  avanti.

You may also like

The technology of the future. And the future of technology.

Cosa rende una tecnologia davvero adatta al futuro? Quali sono i requisiti che l’innovazione deve avere oggi per essere adeguata al mondo di domani?

Big data, big business!

Solo un approccio data-driven oggi può permettere alle aziende di crescere prendendo decisioni ponderate e consapevoli, sempre al passo con i tempi che cambiano. I Big data insomma, si confermano essenziali per il business contemporaneo!

Phygital: digital and physical worlds meet here

Le nuove esperienze, capaci di combinare aspetti digitali e fisici, sono definite “phygital”. Scopriamo insieme cosa sono nello specifico e da dove partire per proporle ai propri clienti.

Sostenibilità digitale: non se ne parla mai abbastanza

Sostenibilità digitale: non se ne parla mai abbastanza

Customer centricity: il cliente è tutto

Cosa rende una tecnologia davvero adatta al futuro? Quali sono i requisiti che l’innovazione deve avere oggi per essere adeguata al mondo di domani?

Smart Company: come essere oggi un’azienda del futuro.

I passaggi fondamentali per diventare una Smart Company, un’impresa che ha saputo cogliere tutte le opportunità offerte dal futuro puntando sulle tecnologie esponenziali.